DIAMO STRUTTURA CON LE PIANTE SEMPREVERDI

In questo piccolo ma curatissimo giardino murato la bordura di bosso e il grande esemplare di laurus nobilis sono in grado di strutturare lo spazio in tutte le stagioni dell'anno.

In questo piccolo ma curatissimo giardino murato la bordura di bosso e il grande esemplare di laurus nobilis sono in grado di strutturare lo spazio in tutte le stagioni dell'anno.

In ogni giardino trovano posto piante caducifolie e sempreverdi. Nella scelta delle essenze ad alto fusto è bene dare la precedenza agli alberi caratteristici della biocora locale: questo è il mezzo più semplice per assicurare che il nostro spazio verde e il paesaggio di riferimento abbiano un rapporto armonico fra loro. Le essenze locali assicurano anche le più alte garanzie di rapido attecchimento e sviluppo ottimale.
Seguendo questa indicazione di base si possono evitare gli errori/orrori (molto diffusi purtroppo) che portano (per fare un esempio) a piantare conifere sempreverdi nel cuore della pianura padana, scelta assai discutibile da un punto di vista paesaggistico. Di sicuro poi al momento dell’acquisto le conifere sono piccole e hanno un aspetto del tutto inoffensivo, ma nell’arco di un decennio si trasformano quasi sempre in grandi alberi che, soprattutto nei giardini di medie e piccole dimensioni, toglieranno luce e calore alla casa durante l’inverno e renderanno quasi impossibile la crescita di altre piante, (e persino del tappeto erboso) nell’area di ingombro della loro chioma a causa della fitta ombra portata e della caduta degli aghi. Per di più l’apparato radicale superficiale (tranne per alcune eccezioni), che serve alle conifere per sopravvivere meglio nel loro habitat naturale sui pendii scoscesi e rocciosi di montagna, rende queste piante pericolosamente instabili in molte altre situazioni pedologiche, e accade spesso di avere piccoli e grandi problemi che vanno dal sollevamento delle pavimentazioni esterne al rischio ben più grave di cedimento di tutta la pianta.

Una volta stabilito che le grandi conifere sempreverdi stanno meglio in montagna e i grandi alberi che perdono le foglie sono più adatti in quasi tutte le altre situazioni, potremo scegliere liberamente fra le essenze di taglia media e piccola le sempreverdi e le caducifolie che preferiamo.Un buon rapporto fra sempreverdi e caducifolie è uno dei segreti per la buona riuscita di un giardino, oltre a rappresentare una sorta di test psicologico del suo proprietario. Se amiamo soprattutto i sempreverdi vuol dire che abbiamo bisogno di sicurezza e stabilità, se la nostra preferenza va alle piante caducifolie significa che non temiamo i cambiamenti. Anzi, li desideriamo, e siamo disposti ad aspettare lunghi mesi pur di assistere alle tumultuose trasformazioni della ripresa vegetativa che ci porterà un’ abbondante ricompensa di fiori e di frutti.

Fortunatamente non sono pochi i sempreverdi che fioriscono e fruttificano (viburni, lonicere, piracante, per fare solo qualche esempio), ma quasi sempre sono le piante che godono del meritato riposo invernale quelle che producono i fiori più eclatanti e/o i frutti più buoni. Non sarebbe saggio escludere dal giardino né l’una né l’altra di queste due categorie: utilizziamo i sempreverdi per dare ossatura, struttura portante al giardino (il prato stesso gioca un ruolo fondamentale in questo senso) sottolineiamo con i sempreverdi le fughe prospettiche o le direzioni fondamentali, usiamoli come schermi e come fondali per dare forza alla tessitura colorata e variabile delle piante da fiore. Gran parte delle bulbose per esempio, e delle erbacee perenni, danno il loro meglio nello spazio di un mese, un mese e mezzo, e poi tendono a deperire e a volte a scomparire del tutto. Una equilibrata collocazione dei sempreverdi ci aiuterà a nascondere i vuoti lasciati dalle piante che hanno già fiorito dando al giardino una certa solidità e una struttura formale costante.

L'iperico in primo piano e i bossi potati sottolineano le fioriture di inizio estate

L'iperico in primo piano e i bossi potati sottolineano le fioriture di inizio estate

Tags: