FOTOGRAFARE CON IL FLASH

È giunto il momento di affrontare una tematica molto interessante e spesso sottovalutata: cioè l’uso del flash nella fotografia.

Nonostante la maggior parte dei fotografi preferisca usare la luce naturale e sfruttare le condizioni di luce esistenti, ci sono casi in cui il flash risulta molto utile. Il flash ci  può aiutare ad ottenere fotografie migliori se conosciamo alcune tecniche ed accorgimenti che ci aiutano a gestirlo, evitando brutti effetti comuni alle fotografie dei principianti e degli amatori meno esperti.

Vediamo come si evitano certi brutti effetti dovuti al flash:

Le ombre nere, lasciamole agli illusionisti cinesi! Spesso l’uso del flash incorporato nelle macchine fotografiche crea una brutta ombra dietro il nostro soggetto. Quel che possiamo fare intal caso è allontanare il più possibile il soggetto dalla parete che sta dietro. Se ciò non è possibile per motivi di spazio, almeno scegliamo un’angolazione della macchina che proietti l’ombra in maniera meno evidente e più nascosta dal soggetto! Perciò spostiamoci e tentiamo di calcolare l’angolazione!

“Flashata” goodbye: addio alla luce dura e diretta. Esistono alcuni trucchetti per evitare di sparare una luce troppo dura e diretta sul nostro soggetto, quella che crea brutte ombre e che dà alla foto un che di freddo ed artificiale. Se possediamo un flash tipo esterno, possiamo deviare la luce ed usarla di rimbalzo sul nostro soggetto; posizioniamo il nostro flash secondo un’angolazione in modo da “sparare” luce su un muro binaco o sul soffitto, la luce arriverà così di rimbalzo sul soggetto e sarà molto più morbida e diffusa!

Altrimenti, possiamo ricorrere a soluzioni alternative come un foglio di carta velina o un fazzoletto bianco di fronte al flash, così da diffondere ad ammorbidire le luci!

Credits Web

Visi pallidi: no grazie! Un’altro effetto molto comune quando si usa il flash è quello di avere una luce molto dura e diretta sul soggetto, creando un contrasto molto brutto tra il viso illuminato e lo sfondo completamente nero! Amiche niente di trascendentale per correggere un errore così banale! Regoliamo l’otturatore su tempi di posa più lunghi e cerchiamo di aprire il diaframma! Una maggior quantità di luce potrà così catturare anche lo sfondo! Occhio a non impostare tempi troppo lunghi però, altrimenti dovreste usare un treppiede o avere una mano molto salda!!!

Flash e riempimento: Il flash è uno strumento molto utile anche di giorno, difatti lo possiamo usare alla luce del sole, per attutire alcune ombre molto dure ed eliminare i contrasti forti,  cioè da riempimento. Impostiamo il nostro flash in modalità ETTL e regoliamo tempi e diaframmi, facendo  attenzione alla sensibilità degli Iso che non dev’essere essere eccessiva; l’Ettl regolerà il lampo del nostro flash attraverso un’esposizione valutativa, così da schiarire le ombre senza bruciare la nostra foto.

Credits David Curleigh

Mescoliamo le luci. Il flash è usato dai neofiti come unica fonte di luce sufficiente illuminare il soggetto, producendo foto molto fredde e irreali. È importante, invece, mescolare il flash alla luce esistente, creando un equilibrio sapiente, per esempio negli ambienti chiusi o in generale con condizioni di luce scarsa. Non rinunciamo al realismo ed al calore dell’ambiente, bensì accendiamo la foto quel tanto che basta con un lampo di flash adeguato! Impostiamo i tempi lunghi e  una maggiore sensibilità degli Iso, come quando scattiamo in luce scarsa e usiamo il flash in modalità valutativa o Ettl. Il risultato sarà un soggetto ben illuminato in un sfondo realistico e illuminato dalla luce ambiente!

Credits Paolo Inselvini

Credits Loyd K. Barnes

Adesso tocca a voi sperimentare questi consigli… vi ricordo che non è indispensabile possedere una costosa attrezzatura!

Potete provare alcune di queste tecniche in maniera semplificata anche con la vostra macchina fotografica compatta, usando le impostazioni manuali!

Alla prossima!

Alice

Tags:

 

Autore:

Fotografa per passione

Altri articoli di

 

1 Commenti

  1. Sara scrive:

    Per i ritratti di solito uso una finestra con una tenda semitrasparente di tessuto a trama fina. In contrapposizione uso un pannello quadrato di polistirolo bianco da 1,5 metri di larghezza. Se serve aggiungo anche un punto luce dietro al soggetto che illumina lo sfondo o la testa del soggetto. Si tratta di un flash collegato in TTL con la macchina fotografica.
    Sara

Lascia un commento