QUELLE COCCOLE SPECIALI

Di sesso e di sessualità se ne parla molto ma di masturbazione no. Ancora oggi nel 2010, è un argomento tabù coperto da pregiudizi e sensi di colpa anche se per la stragrande maggioranza di noi, ha rappresentato la prima esperienza sessuale.

Il termine masturbazione significa stimolazione manuale finalizzata al soddisfacimento erotico.

Si inizia a parlare di masturbazione nel 1710, finchè il dottor Samuel Tissot un medico svizzero, ne scrive un manualetto, ma è nella seconda metà del diciottesimo secolo che nei confronti della masturbazione inizia una condanna sostenuta dalla morale cristiana e ancora oggi si vivono i residui di quel terrore che veniva tramandato alle persone. Fortunatamente oggi un pò meno, ma comunque rimane una pratica nascosta di cui vergognarsi; all’epoca si  credeva facesse diventare sterili (sopratutto gli uomini), ciechi, provocasse tremori diffusi, depressione e un gran senso di colpa. E’ necessario affermare con chiarezza che la masturbazione è lecita e normale ed è un segno di un sano autoerotismo. Il bambino inizia nei primi mesi a toccarsi, sperimenta così il suo corpo, i genitali poi sono sensibilissimi al tatto e crescendo lo si scopre sempre di più specialmente nella fase dello sviluppo sessuale in adolescenza; è qui che inizia questa pratica (anche prima ), e diventa uno strumento di conoscenza del proprio corpo e delle proprie sensazioni. Nel mio lavoro ho notato  che le donne che si sono sempre masturbate, sono sessualmente più attive, si conoscono meglio delle altre e hanno una vita sessuale migliore con la capacità di sviluppare maggiormente l’orgasmo e in modo più intenso.

La masturbazione è meno praticata in coppia stabile, tuttavia l’avere un atteggiamento affettuoso con se stessi ha un significato antistress, acquieta perchè l’orgasmo favorisce il rilassamento delle tensioni fisiche e psichiche accumulate durante il giorno , favorendo così anche il sonno; meglio ancora se lo si fa pensando alla persona amata. Il 32% delle donne americane lo usano per facilitare il sonno!

Il discorso cambia se la masturbazione diventa compulsiva allora è associata ad un disturbo ossessivo compulsivo che va curato sia farmacologicamente che psicoterapeuticamente.

Il nostro corpo quindi è il migliore amico che abbiamo e merita una scoperta personale, dove ci può regalare piacevolissime sensazioni e un pò di coccole prima di dormire; se sono desiderate possono rasserenarlo.

Dr Silvia Trevisani

Tags:

 

Autore:

Psicologa e consulente sessuologico

Altri articoli di

 

4 Commenti

  1. Nella mia passata esperienza di Baby sitter ho avuto con una bambina questa situazione che alla sera dopo il bagno lei partiva dalla vagina toccandosi tutto il corpo e chiedendo spiegazioni sulle sensazioni che provava. Per le spiegazioni tramandavo alla mamma ma ho potuto in quell’ occasione osservare il desiderio di quella bambina di conoscersi..Come invece in un altra situazione davanti alla mia segnalazione che alla bambina iniziava il desiderio di un dialogo sulla conoscenza del prorio corpo ne uscii con una madre preoccupata perchè a suo parere era troppo presto, questa situazione a suo modo di vedere avrebbe dovuto presentarsi più in là e quindi mi invitava a lasciar cadere il discorso.

  2. Melinda scrive:

    Io ho 16 anni, non mi sono mai masturbata, sono vergine e un po’confusa. Vorrei provare l’esperienza che tutti dicono sia bella di masturbarmi… Ma la verità è che nn sn capace…
    So k è una domanda strana… Ma come faccio? Scusate! Un bacio a tutte voi. Se avete un consiglio da darmi e non vi sembro pazza fatemi avanti. Ne ho bisogno…

  3. Melinda scrive:

    Devo inserire qualcosa nella vagina? é imbarazzante, ma ho bisogno di aiuto. Vorrei sul serio provarci, ma come? E poi proverò dolore? Melinda

  4. stellinafelice scrive:

    salve ho 29 anni,convivo e non mi sono mai masturbata non mi piace nemmeno quando me lo fà il mio uomo.preferisco fare altro . .

Lascia un commento