AGNELLO CON CARCIOFI SARDI

 

Si perdono nella notte dei tempi le origini della tradizione che vuole l’agnello nella tavola Pasquale a simboleggiare il sacrificio a Dio, ma anche le verdure fragranti  per celebrare il solstizio di primavera, il risveglio della madre terra dopo l’inverno.

Tradizione, nella tavola Pasquale, vuol dire anche abbondanza dopo il digiuno con un forte significato simbolico beneaugurante di rinascita e prosperità. Scegliete agnello o capretto giovane che cuocia rapidamente, fatelo tagliare a tocchetti piccoli.

Ingredienti

  • 800 gr. di carne d’agnello
  • 4 carciofi spinosi
  • 3 cippollotti freschi
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 foglia d’alloro
  • olio e.v.o.
  • sale q.b.
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • prezzemolo

Preparazione

1. Tagliare la carne d’agnello a tocchetti.

2. Pulire i carciofi dalle foglie più dure e dalle punte e lasciarli immersi in acqua e limone.

3. Pulire e tagliare il cipollotto e metterlo a stufare con l’olio, l’aglio e una foglia d’alloro in un tegame.

4. Quando il cipollotto avrà preso calore, aggiungere la carne a tocchetti. Girarla ogni tanto per farla cuocere su tutti i lati e sfumare il mezzo bicchiere di vino quando la carne si sarà sigillata. Se necessario aggiungere anche dell’acqua e far cuocere per circa 30 minuti.

5. Scolare i carciofi, tagliarli in quarti e togliere la barbetta. Saltare velocemente i carciofi con un poco d’olio in una padella a parte.

6. Unire i carciofi alla carne intenerita dalla cottura e tenerli sul fuoco per 10 minuti ancora. Aggiungere il prezzemolo tritato e…gustare!

Buona Pasqua!

 

Tags:

 

Autore:

Amiche e cuoche provette, curano la rubrica "IN DUE E DUE QUATTRO". Sono le protagoniste delle nostre videoricette.

Altri articoli di

 

1 Commenti

  1. melina scrive:

    ottima ricetta l’ho provata qualche pasqua fa semplice e gustosissima

Lascia un commento