“CHEAT” DI CHRISTINE NORRIE

Cheat è una breve storia firmata da Christine Norrie, disegnatrice tedesca.

A New York City Marc e Janey hanno appena traslocato, e nel farlo hanno conosciuto i loro nuovi vicini, Anna e Davis; le due coppie sono molto simili, sia per età che per estrazione sociale, e in modo del tutto naturale iniziano a frequentarsi. La cosa che nessuno sa, o che forse nessuno vuole ammettere realmente, è che entrambe le coppie stanno vivendo un momento di crisi, silenziosamente alla ricerca di qualcosa che ridia un senso alla loro relazione. Caso vuole che Marc debba assentarsi per lavoro, e che nella stessa circostanza Anna si allontani per il weekend. Solitudini e strane amicizie finiscono così per intricarsi maliziosamente, portando la situazione ad un punto critico che stravolgerà una volta per tutte un’equilibrio già instabile.

La prima cosa che balza all’occhio è l’atmosfera fin troppo costruita delle pagine iniziali: i personaggi sembrano attori di un teatro moderno nel quale va in scena lo spettacolo della coppietta bella e felice, che nulla ha da chiedere alla vita se non di poterla godere. Poi però accade qualcosa che stravolge l’idillio, che fa crollare tutte le maschere e pone fine alla recita. Ed è qui, nel momento in cui i personaggi diventano persone, che la storia acquista il giusto peso e diventa coinvolgente; non si tratta di stabilire chi o cosa sia meglio o peggio, ma nelle scelte più o meno condivisibili o detestabili prese dai protagonisti si intravede la loro umanità, nei confronti della quale tutti, chi più chi meno, siamo certamente sensibili. Cheat non è un capolavoro, ma è sicuramente una storia piacevole, che ci da la possibilità di entrare nella sfera emotiva di soggetti che hanno molto di reale, e di conseguenza stimolano riflessioni non banali.

Stilisticamente parlando, il tratto della Norrie mi ha ricordato molto alcune pubblicazioni Marvel, con un segno “giovane”, impreziosito in questo caso dall’uso studiato dei bianchi e dei neri, sfruttati per aumentare l’intensità narrativa o per trasmettere al lettore alcune sensazioni piuttosto che altre: a volte dolci e delicate, altre insicure e malinconiche. Ben fatto.

Editore: Bottero Edizioni – Pagine: 72 – Bianco&nero – Prezzo: €10

Tags:

 

Autore:

Altri articoli di

 

0 Commenti

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento