LE OLIMPIADI FANNO TENDENZA: ED É ANGLOMANIA!

Le Olimpiadi 2012 sono appena iniziate e  Londra è tutta un fermento: la capitale britannica da ben sette anni si preparava ad ospitare un evento sportivo così prestigioso e, come volevasi dimostrare,  non ha deluso le aspettative.  La cerimonia di apertura è stata spettacolare, la nostra Italia è partita molto bene,  molti atleti  si fanno notare,  in testa Camille Lacourt,  per la bellezza e non solo per la bravura nella loro disciplina sportiva, captando così l’attenzione anche del pubblico femminile.

I love UK! Sarà proprio per la location scelta,  la tendenza evidente  che sta contagiando tutti e ovunque,  quasi a discapito dell’internazionalità dei Giochi Olimpici,  è una vera e propria passione per la “British culture”, che già normalmente è cult di suo.

Bracciali patriottici Swarovski

Patriotic is Pretty! Londra è anche reduce dal recente Queen’s Diamond Jubilee, che già aveva ispirato le  creazioni a tema patriottico da parte  di stilisti e designer. E’ interessante dal punto di vista semiotico, come alcuni oggetti acquistino una forte valenza comunicativa, fino a diventare  nella memoria collettiva  simboli identificativi di un luogo.
La bandiera blu-bianca-rossa a strisce, il cab (tipico taxi londinese), la cabina del telefono rossa… ed è inequivocabilmente, con lo schiocco delle dita,  Inghilterra!

London is always cool. Ed ora più che mai!
Londra è la città occidentale più influente:  da qui nascono, passano e si evolvono la maggior parte delle tendenze. La Union Jack, formalmente Union Flag,  credo che sia la bandiera più conosciuta al  mondo, non soltanto grazie al passato colonialista dell’ Inghilterra, ma proprio perchè è diventata un motivo famoso e diffuso  in tutte le salse e rivisitazioni,  nella moda, nell’arte, nel design e nel marketing. Quindi non solo T-shirt, abiti, scarpe ed accessori, gadget e souvenir. Di tutto di più: frigoriferi, poltrone, automobili, loghi e molto altro. Credo che davvero ben poche cose non siano state mai vestite con la bandiera del Regno Unito (attenzione, non dite erroneamente “bandiera inglese”: quella è diversa e ha la Croce di S.Giorgio).

Forse però pochi sanno che è stata la stilista Vivienne Westwood, amante e studiosa  della storia e delle tradizioni della Gran Bretagna, a trasporre stilemi tipicamente britannici nella moda. Ecco il tema “tartan”, la bandiera UK e molto altro, lanciando molti anni fa un trend che è diventato un classico, copiato ovunque. E quest’anno la Westwood aveva già creato per il Giubileo una collezione ispirata alla regina Elisabetta II: splendidi abiti da sera con la  stampa di una Union Jack vintage.

Gli stilisti britannici sono molto patriottici. Un altro grande fashion brand inglese che è solito utilizzare la Union Jack per le sue creazioni è Alexander Mc Queen. La classica clutch a forma di labbra di Lulu Guinness stavolta si tinge dei colori della bandiera, ma non solo: borse con la forma della cabina telefonica e del  London cab.

Vivienne Westwood

In occasione degli Olympic Games, diversi brand hanno prodotto delle “limited edition” dedicate proprio al grande evento.
Tra le scarpe troviamo le pump peep-toe di Loriblu, con i cerchi olimpici, oppure le ballerine di Butterfly Twist. ed ancora,  Dunlop.

 
Il marchio di cosmetici naturali Butter London propone Heavy Medal Collection: un set per la manicure, formato da tre smalti metallici: oro, argento e bronzo, con le rispettive medaglie.

La lista  delle idee a tema  “English” potrebbe continuare all’infinito; lascio a voi il compito di trovare ciò che più vi piace. Io da brava anglomane da sempre, come ultimo pezzo non mi sono fatta mancare un  bikini molto carino, che ho pagato anche pochissimo…
In Italia c’è crisi! God save us, not just the Queen!

 

Tags:

 

Autore:

Amo scrivere, non solo di moda. Cool hunter per indole, semiologa per formazione. So anticipare e cogliere le tendenze, decifrare codici e linguaggi. Ho una passione per la stampa periodica, attuale ed antica, i magazine internazionali femminili e di life-style e la storia del costume. shoesaholics.style.it pinkthinktankmagazine.wordpress.com

Altri articoli di

 

1 Commenti

  1. […] e della bandiera in particolare, non sono inusuali nel corso della moda; capiamo il perché.  Vi ricordate le Olimpiadi? TAGSscarpe bandiera britannica, sergio rossi, Sergio Rossi Victoria, union jack […]

Lascia un commento